Nabirio © Labs - S.O. Rende, CS (Italy)

Hotel Nuove Normative Covid-19 OMS gestione Coronavirus

L’Ospitalità ai tempi del Coronavirus Covid-19

Come Cambia l’Hotel secondo le nuove normative

 

L’inevitabile alto tasso di interazione interpersonale nelle strutture alberghiere impone di mantenere alta e costante l’attenzione rispetto alle norme anti coronavirus sars-cov-2; pertanto in questi giorni vengono rilasciate nuove normative covid-19 per gli hotel ed il mondo dell’ospitalità.

PER LE NUOVE LINEE GUIDA DEL 18 MAGGIO 2020 FAI CLIC QUI

In seguito ad un’ attenta analisi di prove ed informazioni raccolte fino ad oggi l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha prodotto le linee guida per le strutture ricettive – scarica l’ultima versione in italiano – alle quali, è ragionevole pensare, che lo Stato ed i governi regionali si ispireranno nel produrre le direttive rivolte al mondo dell’ospitalità durante la Fase 2 e nella Fase Post-CoVID.

 

Alcuni punti salienti del documento: riapertura hotel coronavirus nuove normative oms covid-19

ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA

  • Definizione di un Piano d’Azione

Il primo passo è la creazione di un team che si occupi della gestione in materia CoVID-19; la cui prima azione che devono intraprendere è la stesura di un piano d’azione redatto coordinandosi con le istituzioni sanitarie e le associazioni albergatori

Il piano è volto a:

    • Prevenire e gestire eventuali casi Covid Positivi
    • Ideare procedure per diminuire le interazioni ospiti – dipendenti
    • Assicurare fornitura costante di dispositivi DPI per tutti i dipendenti
    • Progettare una riorganizzazione delle Aree Comuni

Uno o più membri del team devono mantersi aggiornati sulle nuove normative covid-19 per Hotel sia esse dettate dallo Stato, dalle Regioni o dall’OMS: in situazioni come queste l’informazione è cruciale.

 

  • Registro delle Azioni

L’istituzione di un Registro dove annotare dettagliatamente tutte le procedure svolte e le misure attuate è utile al monitoraggio e alla revisione delle azioni intraprese. Un buon metodo di annotazione è utilizzare una tabella in stile

DataOra – Operatore – Luogo – Azione – Descrizione – ProdottiUtilizzati – Note

Ecco un esempio di come creare il Foglio delle Pulizie

  • Comunicazione

E’ importante mantenere una comunicazione costante; lo staff deve prontamente informare il team di crisi e la direzione di ogni possibile incidente, di ogni caso sospetto e dell’andamento della situazione. E’ raccomandabile che la direzione tenga dei briefing con tutto lo staff almeno 3 volte al mese e che mantenga costantemente aggiornati i dipendenti dell’ Hotel sulle nuove normative covid-19 in modo che svolgano il loro compito in modo sicuro e contribuiscano alla prevenzione.

GESTIONE RECEPTION

Tutti i dipendenti devono seguire delle linee guida sull’interazione con l’ospite e delle nozioni sulle policy interne, in modo particolare i dipendenti impiegati nella Reception devono poter comunicare esaustivamente anche ai Clienti le misure di prevenzione in atto.

  • Brochure Informativa

Un’idea potrebbe essere di dotare ogni Camera di un biglietto di Benvenuto su cui sono riportate le politiche dell’Hotel, le raccomandazione dell’OMS, eventuali numeri di telefono di emergenza ed una piantina con le indicazioni per raggiungere le farmacie e i servizi medici più vicini.

 

  • Sanificazione

Sarebbe bene se il personale della reception indossi abiti a maniche lunghe e non stringa la mano agli ospiti: un cenno con la mano e un sorriso sono sufficienti ad accogliere e salutare i clienti in modo elegante. E’ inoltre fondamentale disinfettare le superfici dopo ogni check-in e check-out e igienizzare le mani dopo lo scambio di oggetti (documenti, carte di credito, ecc) con gli ospiti.

ORGANIZZAZIONE SALA COLAZIONE, BAR E RISTORANTE

E’ necessario predisporre, preferibilmente all’ingresso di sale ed aree comuni, o comunque in prossimità delle stesse, gel disinfettante per le mani con una evidente raccomandazione all’utilizzo.

  • Buffet e macchine per bevande

E’ preferibile che l’ospite non maneggi il cibo: nel caso in cui si opti per una colazione a buffet i mestoli e le pinze devono essere sostituiti frequentemente e disposti in contenitori separati.  Le macchine per le bevande (macchina del caffè, erogatore di succhi, ecc) devono essere pulite e disinfettate almeno ogni fine servizio prestando particolare attenzione alle parti più a contatto con le mani.

Un suggerimento potrebbe essere offrire una colazione su ordinazione al tavolo oppure in formula room service.

 

  • Disposizione Tavoli

Le ultime direttive suggeriscono di avere massimo 4 persone ogni 10 mq per stanza. La distanza che deve intercorrere tra un’ospite ed un’altro alla stesso tavolo è di almeno 1 metro; tra tavoli diversi deve essere garantita la distanza di un metro tra gli schienali delle sedie.

La creazione di turni per il consumo della colazione o di pasti potrebbe essere una strategia vincente al fine di evitare assembramenti nelle aree comuni.

PULIZIA AREE COMUNI E CAMERE

Le aree comuni, poiché zona sensibile, è bene sanificarle il più spesso possibile igienizzando soprattutto maniglie, corrimano e pulsanti dell’ascensore così come tutti gli oggetti che vengono toccati con maggiore frequenza.

Per una pulizia approfondita nelle stanze è consigliabile utilizzare soluzioni a base di cloro lasciando agire per almeno 10 minuti; per le superfici su cui non è possibile farlo, come ad esempio un telefono o un telecomando, è possibile impiegare una soluzione a base di alcool.

Il materiale impiegato per la pulizia dovrebbe essere Usa e Getta ed andrebbero assolutamente evitati panni ed altri materiali assorbenti.
Tutte le stanze e le aree comuni devono essere ventilate giornalmente e possibilmente più volte al giorno.
Secondo le nuove normative non è più possibile consentire all’ospite la rinuncia volontaria ai servizi di pulizia.

GESTIONE CASI DI COVID IN HOTEL – Nuova Normativa Covid

E’ possibile che un ospite o un dipendente sviluppi sintomi di infezione respiratoria acuta: è necessario, in questo caso, attuare tutte le operazioni per limitare le interazioni con il sospetto e procedere all’identificazione dei contatti.

Ogni azione di ricerca ed identificazione va svolta nel pieno rispetto della privacy.

  • Identificazione dei contatti

L’ OMS definisce contatto una persona che nei 2 giorni precedenti o nei 14 giorni successivi all’insorgenza dei sintomi sia stata a meno di 1 metro per più di 15 minuti dal soggetto o abbia avuto un reciprocità fisica diretto. Nel caso di ambienti alberghieri vengono considerati contatti i compagni di stanza e le persone che si siano trovate in stretta vicinanza con il soggetto.

La raccomandazione da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è la messa in quarantena per 14 giorni dei contatti a partire dalla data di ultima esposizione al soggetto sospetto.

Gli ospiti non interessati sono persone considerate a basso rischio, le nuove normative covid-19 indicano che l’hotel deve invitarli ad un monitoraggio autonomo.

 

 

La misura dell’intelligenza è data dalla capacità di cambiare quando è necessario.ALBERT EINSTEIN

 

Se hai bisogno di un software che ti aiuti a gestire l’ hotel anche durante la Fase 2 Scarica Gratis e Prova Subito RoomOne


Potrebbe interessarti: